esagono nero.svg
rcsport-logo
rcsport-logo
search icon
ezgif.com-animated-gif-maker (10)

Il quotidiano online dello sport a Reggio Calabria e Provincia.

Associazione di promozione sociale Onlus EMITI.

Legale rappresentante Ornella Derna.
Direttore responsabile Rocco Calandruccio.

MAIN SPONSOR

ezgif.com-animated-gif-maker (10)
scarica-app-android-small-696x114

facebook
instagram
whatsapp
tiktok

2023 © RCsport.it - Tutti i diritti riservati. Associazione di promozione sociale Onlus EMITI. Reg. Trib. Palmi n° 1/18. Realizzato da VOLGO Agenzia Pubblicitaria

Addio a Luis Suarez bandiera della più Grande Inter

2023-07-10 18:04

Francesco Lacquaniti

CALCIO, STORIE DI SPORT, calcio, Inter, Storie di Sport, Luis Suarez,

Addio a Luis Suarez bandiera della più Grande Inter

Se ne va Luis Suarez definito da Alfredo Di Stefano, un architetto per come faceva ripartire il gioco e per la precisione nei lanci lunghi

luis-suarez.jpeg

Nato nella Galizia (La Coruna) il 2 maggio 1935, Luis Suarez (per tutti Luisito) inizia la carriera in mezzo al campo negli anni ’50. Centrocampista fine e completo, a tal punto da essere definito da Alfredo Di Stefano un architetto per come faceva ripartire il gioco e per la precisione nei lanci lunghi, dopo aver indossato i colori di Deportivo La Coruna ed Espana Industrial il primo grande salto è al Barcellona (squadra che lo vedrà esordire nella nazionale spagnola che porterà sul tetto d’Europa nel 1964) fregiandosi dei primi successi di squadra e del Pallone d’Oro (1960) che ne fa ancora l’unico calciatore spagnolo ad averlo vinto. Nell’estate del 1961, ritrovando colui che lo scoprì e lo valorizzò (Helenio Herrera), il presidente dell’Inter Angelo Moratti lo fa sbarcare lungo i Navigli sborsando nelle deficitarie casse del Barcellona una cifra prossima ai 300 milioni di lire. Con i meneghini giocherà nove stagioni da trascinatore assoluto vincendo 3 Scudetti (con tanto di prima stella), 2 Coppe dei Campioni e 2 Coppe Intercontinentali corroborate da 328 presenze e 54 reti (l’ultima col Torino in Coppa Italia nel 1970) molte delle quali di pregevolissima fattura. Tramontata l’epopea della Grande Inter (il cui emblematico canto del cigno fu la caduta nella finale della Coppa dei Campioni col Celtic) si accasa alla Sampdoria giocando altre tre stagioni. Attaccate le scarpe al chiodo intraprende la carriera di allenatore (guiderà anche la nazionale spagnola Under 21 vincendo il campionato europeo e quella maggiore) che, però, non si rivelerà all’altezza della carriera del Suarez calciatore anche se siederà sulla panca dell’Inter tre volte. Una volta (1974-75) per l’ìntera stagione e due volte (anni ’90) subentrando a Corrado Orrico e come traghettatore da Ottavio Bianchi a Roy Hodgson

Con la scomparsa di Luisito se ne va via un altro autentico monumento di quella grande squadra forgiata dal “mago” appartenente a un calcio romantico che oggi non c’è più.