esagono nero.svg
rcsport-logo
rcsport-logo
search icon
ezgif.com-animated-gif-maker (8)

Il quotidiano online dello sport a Reggio Calabria e Provincia.

Associazione di promozione sociale Onlus EMITI.

Legale rappresentante Ornella Derna.
Direttore responsabile Rocco Calandruccio.

MAIN SPONSOR

ezgif.com-animated-gif-maker (8)
scarica-app-android-small-696x114

facebook
instagram
whatsapp
tiktok

2023 © RCsport.it - Tutti i diritti riservati. Associazione di promozione sociale Onlus EMITI. Reg. Trib. Palmi n° 1/18. Realizzato da VOLGO Agenzia Pubblicitaria

Reggina, la nuova denominazione sociale non è una novità

2023-09-11 16:15

Francesco Lacquaniti

CALCIO, Serie D, STORIE DI SPORT, SPORT SOTTO I RIFLETTORI, Reggina, serie d, Storie di Sport, Sport sotto i riflettori,

Reggina, la nuova denominazione sociale non è una novità

Reggina, La Dominante, Reggio Calabria, Reggio Foot Ball Club e adesso Fenice Amaranto: le diverse denominazioni della squadra amaranto nel corso del tempo

reggina-storie-di-sport.jpeg

La Reggina (denominazione sociale assunta nel 1928, era infatti nata come Reggio Calabria divenendo poi Reggio Foot Ball Club) ha mutuato denominazione sociale tre volte chiamandosi La Dominante, Reggio Calabria e adesso Fenice Amaranto. La prima volta avvenne negli anni ’30 quando per problemi finanziari fu costretta a ripartire dalla Prima Divisione (una sorta di Eccellenza dell’epoca). Campionato che si sarebbe aggiudicata venendo promossa in Serie C alla stregua delle ripescate Juventus Siderno e Palmese. Il campionato di Serie C 1938-39 (nella foto l’undici di quella stagione del quale faceva parte uno dei calciatori reggini più importanti di quegli anni, Ottavio Misefari) fu, però, un autentico disastro (collezionò 2 punti appena subendo una miriade di reti, col Messina, tra andata e ritorno, ne subì addirittura 17) e la retrocessione fu inevitabile. 

 

Finita la stagione i problemi finanziari che si portò dietro si acuirono e fu così che La Dominante chiuse i battenti. Il fermo dei campionati per cause belliche la vedrà ripartire qualche anno dopo con la denominazione sociale di Reggina. La seconda volta avvenne nell’estate del 2015 quando oberata dai debiti ripartì dal girone I del campionato di Serie D che non vinse (perse infatti le semifinali play off con la Cavese) venendo poi ripescata. Il resto è storia recente. Una storia troppo ingiusta per una piazza importante quale è quella di Reggio Calabria che dal possibile approdo in Serie A (Filippo Inzaghi e i suoi si sono resi artefici di una stagione esemplare) dovrà ripartire a distanza di appena 8 anni dall’ultimo scivolone dal girone I del campionato di Serie D. Un girone impegnativo dove la squadra da battere sarà il Trapani di Alfio Torrisi.