esagono nero.svg
rcsport-logo
rcsport-logo
search icon
ezgif.com-animated-gif-maker (13)

Il quotidiano online dello sport a Reggio Calabria e Provincia.

Associazione di promozione sociale Onlus EMITI.

Legale rappresentante Ornella Derna.
Direttore responsabile Rocco Calandruccio.

MAIN SPONSOR

ezgif.com-animated-gif-maker (13)
scarica-app-android-small-696x114

facebook
instagram
whatsapp
tiktok

2023 © RCsport.it - Tutti i diritti riservati. Associazione di promozione sociale Onlus EMITI. Reg. Trib. Palmi n° 1/18. Realizzato da VOLGO Agenzia Pubblicitaria

Romeo Menti, l’ultimo degli Invincibili a lasciare il segno

2024-05-04 09:12

Francesco Lacquaniti

CALCIO, STORIE DI SPORT, calcio, Storie di Sport, Il Grande Torino, Superga, Romeo Menti,

Romeo Menti, l’ultimo degli Invincibili a lasciare il segno

75 anni fa la tragedia di Superga se lo portò via per sempre assieme a quel Grande Torino

il-grande-torino.jpeg

Bagicalupo, Ballarin, Martelli, Grezar, Rigamonti, Castigliano, Menti, Loik, Gabetto, Mazzola, Ossola. Fu questo l’ultimo undici del Grande Torino sceso in campo in terra portoghese il 3 maggio 1949 (tre giorni dopo aver bloccato sullo 0-0 l’unica squadra ancora in lotta per il tricolore, l’Inter) per affrontare in amichevole il Benfica. Finì 4-3 per i lusitani e a realizzare quella che sarebbe stata l’ultima rete di quei formidabili ragazzi in maglia granata fu Romeo Menti su calcio di rigore. Nato a Vicenza il 5 settembre 1919 inizia a giocare giovanissimo col Vicenza assieme ai fratelli Mario e Umberto (tra gli anni ’50 e gli anni ’60 ci giocherà anche il nipote Luigi); approdato poi alla Fiorentina (in tre stagioni in maglia viola conquisterà la promozione in Serie A e una Coppa Italia) nel 1941 si trasferisce al Torino vincendo (la stagione seguente) Scudetto e Coppa Italia. Tra il 1944 e il 1945 farà tappa a Milano (sponda rossonera), a Castellammare di Stabia (con le vespe vincerà il campionato campano lasciandosi dietro Salernitana e Napoli) e nuovamente a Firenze. Ritornato a vestire i colori granata (nel 1947 arriverà a vestire anche quelli della nazionale italiana) metterà insieme altri 4 Scudetti. L’ultimo (quello del 1948-49) segnato dalla tragedia di Superga del 4 maggio 1949 che se lo porterà via per sempre assieme (eccezion fatta per Gandolfi e Tomà che non partirono per Lisbona) a quel Grande Torino.

 

romeo-menti-e-il-grande-torino.jpeg