esagono nero.svg
rcsport-logo
rcsport-logo
search icon
ezgif.com-animated-gif-maker (5)

Il quotidiano online dello sport a Reggio Calabria e Provincia.

Associazione di promozione sociale Onlus EMITI.

Legale rappresentante Ornella Derna.
Direttore responsabile Rocco Calandruccio.

MAIN SPONSOR

ezgif.com-animated-gif-maker (5)
scarica-app-android-small-696x114

facebook
instagram
whatsapp
tiktok

2023 © RCsport.it - Tutti i diritti riservati. Associazione di promozione sociale Onlus EMITI. Reg. Trib. Palmi n° 1/18. Realizzato da VOLGO Agenzia Pubblicitaria

Reggina-Ascoli 1-0 | Le pagelle amaranto: Canotto brilla di luce propria

2023-05-20 08:44

Paolo Messina

CALCIO, Serie B,

Reggina-Ascoli 1-0 | Le pagelle amaranto: Canotto brilla di luce propria

Il finale di stagione regolare della Reggina è emozione pura.

Il finale di stagione regolare della Reggina è emozione pura. La squadra di mister Pippo Inzaghi conquista i playoff, grazie al settimo posto in classifica. A concretizzare un tale traguardo sono stati sia i risultati favorevoli dagli altri campi che, soprattutto, il gol da apoteosi di Gigi Canotto. Arrivata al 94’, a un minuto dalla fine, la rete del definitivo 1-0 contro l’Ascoli ha fatto esplodere lo stadio Granillo. Il sogno del popolo reggino potrà continuare nella seconda fase del torneo.

Le pagelle

Contini 5.5: Bravo ad opporsi a Gondo con una buona uscita ad inizio ripresa. Di contro è incerto nel bloccare tiri di potenza degli avversari, rischiando più di qualcosa sulla botta di Gondo nel finale di gara. Si difende.

Loiacono 5.5: Appare in difficoltà a tenere Gondo, al quale concede sempre il tiro. Rivedibile, dunque, in marcatura stretta. In affanno. Dal 79’ Terranova 6: A cinque minuti dalla fine ha la palla del vantaggio, ma in mischia dall’area piccola spara alto. Non tocca a lui.

Camporese 6: Sfiora il gol di testa in mischia e contiene bene le scorribande offensive degli avversari. È sfortunato nella ripresa, quando si fa male in contrasto ed è costretto ad uscire. Presente. Dal 61’ Gori 5.5: Vorrebbe incidere, ma non ci riesce. S’impegna, ma non è concreto. Ci prova. 

Gagliolo 6: Imposta maggiormente rispetto agli altri difensori, senza precisione e spesso perdendo palla in frangenti alquanto pericolosi. In fase di copertura non commette errori. Meglio quando difende.

Pierozzi 6: Si distende sulla fascia destra ed è propositivo, ma non elude le marcature avversarie. Qualche imprecisione di troppo nel servire i compagni e in fase di copertura. Pronto ad attaccare.

Fabbian 5: Non tocca palloni nel primo tempo e non fa molto meglio nella ripresa. Lui è stato il vero assente di serata.

Majer 6: Gestisce palloni in mediana e conferisce ritmo al giro palla. Fondamentale nelle retrovie.

Hernani 6: Proposizioni per vie centrali e recupero palloni in mediana. Questi i suoi compiti, assolti con vigore nel primo tempo e sottotono nella ripresa, ma la sua qualità è sempre ben accetta. Solito estro.

Di Chiara 7: Gioca alto, trovando anche buone trame di passaggio. Sfiora il gol su punizione e salva sulla linea una rete praticamente fatta dell’Ascoli. Davvero tanta roba. Qualità e quantità. Dal 79’ Liotti 6: Poco per incidere, ma a lui basta per effettuare qualche cross e mettersi al servizio della causa. Volenteroso.

Rivas sv: Dinamico, gioca sulla velocità al suo solito. Peccato che la sua partita dura pochissimo. Sente tirare la coscia e deve fermarsi. Possibile che si tratti di uno stiramento. Sfortunato. Dal 26’ Canotto 8: L’uomo della provvidenza è Gigi, chi se non Gigi. Lo trova lui il gol che vale i playoff con una galoppata delle sue. E per lo più in pieno recupero. Gioia immensa.

Strelec 5: Sfiora il gol in avvio di partita, poi esce di scena senza mai rendersi pericoloso. Non ha palloni giocabili, vero, ma lui di certo non dialoga con la squadra. Inconcludente. Dal 79’ Galabinov.

 

All. Inzaghi 7: I suoi vanno a sprazzi, a folate. Una delle qualità più grandi, però, è la difesa che regge l’urto avversario. L’allenatore eccelle nel motivare i suoi, pronti a tutto nel finale. I cambi danno maggiore spinta offensiva, il destino fa il resto sul finale. La storia continua.

 

Il tabellino

Reggina (3-5-2): Contini; Loiacono (79’ Terranova), Camporese (61’ Gori), Gagliolo; Pierozzi, Fabbian, Majer, Hernani, Di Chiara (79’ Liotti); Rivas (26’ Canotto), Strelec (79’ Galabinov). In panchina: Aglietti, Colombi, Bouah, Lombardi, Ricci. Allenatore: Filippo Inzaghi.

Ascoli (4-3-1-2): Leali; Adjapong, Botteghin, Simic, Giordano; Collocolo, Buchel (66’ Giovane), Caligara (81’ Lungoyi); Mendes (71’ Proia); Forte (71’ Dionisi), Gondo. In panchina: Bolletta, Guarna, Quaranta, Dionisi, Donati, Eramo, Tavcar, Falasco, Bellusci. Allenatore: Roberto Breda.

Squadra arbitraleArbitro: Michael Fabbri di Ravenna. Assistenti: Alessandro Lo Cicero di Brescia e Mauro Galetto di Rovigo. Quarto ufficiale: Michele Giordano di Novara. Var: Marco Guida di Torre Annunziata. A-Var: Matteo Gariglio di Pinerolo.

Marcatori: 92’ Canotto (R).

Note – Rispettato un minuto di silenzio per le popolazioni del centro Italia colpite dalle recenti alluvioni. Spettatori: 14.899 di cui 87 ospiti. Ammoniti: Giordano (A), Forte (A), Caligara (A), Terranova (R). Espulsi: Caligara (A).  Calci d’angolo: 7-2. Recupero: 2’ pt, 5’ st.

reggina-ascoli-2023-06.jpeg
reggina-ascoli-2023-03.jpeg