esagono nero.svg
rcsport-logo
rcsport-logo
search icon
ezgif.com-animated-gif-maker (13)

Il quotidiano online dello sport a Reggio Calabria e Provincia.

Associazione di promozione sociale Onlus EMITI.

Legale rappresentante Ornella Derna.
Direttore responsabile Rocco Calandruccio.

MAIN SPONSOR

ezgif.com-animated-gif-maker (13)
scarica-app-android-small-696x114

facebook
instagram
whatsapp
tiktok

2023 © RCsport.it - Tutti i diritti riservati. Associazione di promozione sociale Onlus EMITI. Reg. Trib. Palmi n° 1/18. Realizzato da VOLGO Agenzia Pubblicitaria

Gioiese: Al posto di Caridi arriva Franco Viola?

2023-10-11 17:43

Maurizio Accordino

CALCIO, Serie D, Gioiese, Caridi, Gioiese 1918, Serie D , Franco VIola,

Gioiese: Al posto di Caridi arriva Franco Viola?

Dopo l'esonero del tecnico di Locri si profila un ritorno

dsc_3471.jpeg

Tanto tuonò che piovve! Dopo i tanti rumors della giornata di ieri, che davano per certo l’esonero di mister Caridi, è arrivata in mattinata la comunicazione ufficiale della società, che annunciava la separazione dal tecnico di Locri. E’ durata pochi mesi l’avventura del tecnico sulla panchina viola, con un bilancio non certo positivo, visto che sono giunte ben 6 sconfitte (su 7 gare) in campionato, ed una vittoria ed una sconfitta in Coppa Italia. Sicuramente mister Caridi paga per tutti, paga anche colpe non sue, ma la società ha deciso di dare uno scossone alla squadra per provare a raddrizzare una situazione che, proseguendo così, avrebbe portato ad una certa retrocessione.

 

Obiettivamente l’esonero di mister Caridi non ci sorprende più di tanto. Nelle ultime gare, pur con i rinforzi messi a disposizione dalla società, i risultati continuavano a tardare, e domenica a Barcellona, al triplice fischio, abbiamo notato mister Caridi dirigersi velocemente, da solo, verso il sottopassaggio che conduce agli spogliatoi. Abbiamo avuto l’impressione di una sorta di slegatura dal resto del contesto (squadra e dirigenza), e la sensazione era quella che potesse essere giunta al capolinea la sua avventura sulla panchina viola, cosa che effettivamente è stata ufficializzata oggi.

 

Al termine della gara di Barcellona, alcuni dei tifosi, giunti al seguito della squadra, avevano avuto delle perplessità sulla gestione della gara ed anche sulle scelte operate dall’allenatore, che ha ritenuto di mandare in tribuna Sandomenico, di tenere in panchina (era alla prima convocazione) l’esperto centrocampista Corso, di impiegare solo nell’ultima mezz’ora l’attaccante De Marco, andato subito in gol, appena entrato, di non utilizzare il difensore Orazzo (era stato uno dei pochi ad aver giocato tutte le gare), ed altro. Insomma, c’era un certo malumore anche sull’operato del tecnico, reo, tra l’altro, di non aver apportato alcun correttivo neanche a gara in corso, quando era palese che sarebbe bastato bloccare la vera fonte del gioco igeano, che era Biondo, per limitare le giocate della compagine di casa. 

 

Noi riteniamo che colui che ha il reale polso della situazione è l’allenatore, che lavora per l’intera settimana con la squadra, e conosce lo stato di forma dei singoli atleti, per cui se ha fatto determinate scelte, avrà avuto i suoi motivi. Poi, nel calcio, è risaputo che occorre un pizzico di fortuna anche, che in questo primo scorcio di stagione, non è stato dalla parte della Gioiese, per cui la dirigenza, con a capo il presidente Cesare  Raso, ha ritenuto di intervenire, prima di compromettere del tutto la stagione.

 

Alla Gioiese, è risaputo, manca un centravanti che finalizzi la mole di gioco creata dalla squadra, e la società si sta adoperando anche in tale direzione, consapevole che la scala dei valori attuale, vede il torneo suddiviso in tre tronconi, e che dell’ultimo troncone fanno parte 7-8 società che lotteranno per la salvezza. Ovviamente sarà fondamentale fare punti negli scontri diretti con le società alla propria portata (avranno valore doppio), e purtroppo i viola hanno già perso degli importanti scontri casalinghi (si fa per dire, avendo giocato a Palmi) con Canicattì e Sancataldese, ed anche la gara di domenica scorsa la consideriamo uno scontro diretto, visto che, anche se la N. Igea adesso è a quota 10, la riteniamo una squadra che potrà puntare soltanto alla salvezza.

 

Il cambio di guida tecnica arriva alla vigilia di un ciclo di gare complicate. Domenica si “ospiterà” la Lfa Reggio Calabria al Granillo (si attende solo l’ok ufficiale della Lega), si andrà poi ad Acireale, derby interno col Lamezia e importante trasferta sul campo del S. Luca. 

Come dire, il successore di Caridi non avrà un compito facile, anzi! Pare quasi certo che la scelta ricadrà su mister Franco Viola, per il quale sarebbe un ritorno sulla panchina viola a distanza di 9 stagioni. Il tecnico di Taurianova è reduce dall’esperienza alla guida della Cittanovese, con cui aveva tentato una disperata salvezza, nel finale di stagione scorsa, ma la situazione era ormai compromessa. 9 stagioni fa subentrò al dimissionario mister Dal Torrione, riuscendo a centrare la salvezza in serie D.

 

Adesso si accinge a ricominciare dalla Gioiese, per tentare un’impresa sicuramente alla portata della squadra viola, ma bisognerà cominciare a fare risultato prima possibile. In attesa dell’annuncio ufficiale, la squadra oggi ha lavorato sotto la guida di mister Infusino, tecnico della juniores nazionale, reduce dalla pesante vittoria ottenuta (0-3) sul campo del Lamezia.